climber password
site-searchCerca
Climbing - Arrampicare - Grimper
.: ZOOM tHE cOVER :.
 
Menu principale
Home Page
Notizie
Invia articolo
Archivio notizie
Argomenti

Musica
Invia articolo
Archivio articoli
Argomenti

Link
Segnala
Più visitati
Più votati

Meteo
Mappe del tempo
Previsioni del tempo
Previsioni per città

Forum
I più recenti
I più visti
I più attivi

TEST MATERIALE TECNICO
fORUM
tC Partners
USO dei COMMENTI

Rock D.O.C.G.

Utilità

Riflessioni

Usa il cervello, non il martello!
Salvaguardiamo la roccia
tOSCOCLIMB.it

FreeTibet.org


SaveTibet.org


Una giornata coi bimbi di Kasisi (Africa)


Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
Vie e Multipitch : Alpi Apuane Monte Cavallo Via Il cavallo ammaestrato
Inviato da tc il 16/6/2020 08:11:29 (494 letture)


 [VIE LUNGHE] Alpi Apuane - Monte Cavallo - Via "Il Cavallo Ammaestrato"
  
Il monte Cavallo è quel rilievo montuoso che separa Azzano da Basati, paese da cui se ne vedono i torrioni sommitali: la via, tracciata sulla parete Est del torrione di destra, percorre nella sua parte centrale il diedro visibile dal paese mentre il nome della via è una dedica al Maestro sognatore Gianni Rodari. Chi ne avrà curiosità potrà leggere sulla roccia questa dedica scritta da  Marco Merlini e Maurizio Santini.  su ROCKDOCG >> (TL)


 Alpi Apuane - Monte Cavallo di Azzano
Via Il Cavallo Ammaestrato


di Marco Merlini e Maurizio Santini
DESCRIZIONE GENERALE:
Sviluppo della via: n.d., (circa 70 m?, ndr)
Tempo di percorrenza dei primi salitori: -
Difficoltà: max 6a+.
Impegno: -
Proteggibilità: portarsi qualche nut e friend
Materiale: due mezze corde o una da 60 m, cordini, 12 rinvii


Il monte Cavallo (“Cavallino nella vulgata) è quel rilievo montuoso che separa Azzano da Basati, paese da cui se ne vedono i torrioni sommitali: la via è tracciata sulla parete Est del torrione di destra, del quale percorre nella sua parte centrale il diedro visibile dal paese. Il diedro ha orientamento NE: nel pomeriggio è dunque in ombra.
Il nome della via? Cent’anni fa nasceva Gianni Rodari. Tra le sue Fiabe lunghe un sorriso si trova quella che ci fornisce il nome: quanto mai pertinente, dato il toponimo del rilievo, la lunghezza della via (poco più di un sorriso ma con molta cautela, data la delicatezza apuanica della roccia, uno scisto simile a quello de Pizzi del Bottino e dello Zucco delle Marzoline) e la laboriosità del suo ammaestramento.

Itinerario per alpinisti: l’avventura del lungo avvicinamento e la salita dal basso in stile montano, pur addomesticata con protezioni ogni 2-3 metri, perlopiù a fix, possono rappresentare una sfida preparatoria a scalate di tipo dolomitico.

Premessa degli apritori
   La via ha richiesto una lunga gestazione, in quanto si è dovuto rintracciare il vecchio sentiero che dall’abitato di Basati portava, passando rasente alla cima del Piccolo Cavallo, al paese di Azzano.
Alla fine, dopo diverse escursioni compiute nell’arco di un paio di anni (e che non sempre hanno determinato un avanzamento reale), il sentiero -che raggiunge e supera alcune postazioni di caccia al cinghiale - è stato ritrovato e reso più sicuro.
La via, ultimata alla fine di febbraio 2020, aspettava il nostro ritorno il 9 marzo per rimuovere corde fisse e rinvii e ripercorrerla da ripetitori per confermare le difficoltà incontrate, ma il giorno prima iniziava la quarantena del covid 19, dunque era giocoforza sospendere il lavoro. Ora siamo finalmente in grado di pubblicare questa relazione.

Avvicinamento
Si lascia l’auto al parcheggio alto di Basati.
Uscendo dal paese, c’è un primo bivio dopo poche centinaia di metri (4’ circa): si prende a destra, in leggera discesa.
A 30’ dal parcheggio abbiamo un secondo bivio: qui si gira a sinistra, e il sentiero sale decisamente (prima mezzora).
Altri 10’o poco più e si trova un terzo bivio: anche qui si prende a sinistra, sempre in salita.Da questo momento occorre porre attenzione ai bolli rossi (tendenzialmente rombi, come nelle nostre intenzioni, ma le varie forme della natura - tronchi e massi - hanno offerto il loro concorso, per cui ai rombi si affianca qualche losanga e almeno un aquilone…). È la parte più faticosa della salita, con tracce di sentiero che salgono nel paleo, per 20 minuti circa(seconda mezzora).
Si giunge ora a vedere sulla destra una macchia di erica scoparia, raggiunta la quale si segue il passaggio ricavato al suo interno per raggiungere in 4-5 minuti una traccia pianeggiante, che si segue verso destra (freccia rossa sulla roccia)sino a pervenire a una breve selva di castagni che occorre attraversare, guidati sempre dai bolli rossi, fino a trovare (altri 4-5 minuti) sulla roccia una prima corda fissa, che va seguita.
Al suo termine si continua a costeggiare la roccia, per poi traversare ulteriormente – sempre verso destra – fino a cambiare versante e ad entrare nel castagneto che sale dal Canale Giardino (ancora 4-5 minuti).
Ora si sale nel bosco, sempre seguendo i bolli, fino a raggiungere una placconata rocciosa, alla cui sinistra sono tese una seconda e una terza corda fissa (tra le due si trova la partenza originaria della via, poi abbandonata in quanto la pioggia rende fradicia e scivolosa la roccia soprastante), che si seguono fino all’attacco della via (terza mezzora).
Tempo complessivo di avvicinamento: 90 minuti.

Difficoltà e sviluppo dei tiri
L1 5c/6a 32 mt, 9 fix. CAlla fine (sinistra) della terza corda fissa si trova la sosta di partenza.
L1.    Ci si alza su un diedrino appena accennato (III), poi per placca (IV) che si raddrizza fino a uno spostamento a destra (5a, fix con cordone), si piega poi a sinistra fino un piccolo strapiombo ().Si prosegue per la verticale (5c) rinviando alla base di un alberello (cordino) e si perviene a una cengia erbosa in vista del diedro del secondo tiro.
    (18 metri, sosta con 2 fix, cordone e maglia rapida).
L2.    Si sale lungo il diedro fino quasi al termine (6a di continuità, passi di 6a+), ci si sposta a sinistra e si supera l’ultimo tratto verticale (5b) fino a giungere alla sosta, posta un metro a destra.
    (20 metri, sosta con 2 fix, cordone e maglia rapida).
L3.    Ci si alza in verticale per un paio di metri (5b), poi inizia un traverso ascendente verso sinistra (5c, poi 4°) fino a uno spigolo. Qui si sfrutta con la mano sinistra il labbro di un canale/fessura verticale (5a) per alcuni metri (alberello con cordino) per poi a rientrare verso destra (IV, chiodo). Infine due-tre metri verticali con un passo leggermente strapiombante (5a)permettono di uscire su una terrazza erbosa, dove si trova la terza sosta.
    (30 metri, sosta con 2 fix, cordone e maglia rapida).

Discesa
Doppie per la via di salita.
Discesa ripercorrendo il tragitto di avvicinamento (tempo: circa 80 minuti).

Il Cavallo Ammaestrato
Il Cavallo Ammaestrato
Il Cavallo Ammaestrato
Il Cavallo Ammaestrato

--------------
tOSCOCLIMB, di Toni Lonobile
in Collaborazione con Marco Merlini e Maurizio Santini

- tutti i diritti riservati - t©
toscoclimb promuove il rispetto di tutto l'ambiente, non solo della roccia

 

Salva questa pagina nel formato:

 
Link correlati

· Articoli sull'argomento Vie e Multipitch
· Articoli inviate da tc

L'articolo più letto sull'argomento Vie e Multipitch:
· Cima Busazza - Parete Nord - Via Sogni e Incubi

Le ultime sull'argomento Vie e Multipitch:
· Alpi Apuane Monte Croce E se fossero stati gli alieni

Visualizza pagina stampabile  Segnala questo articolo ad un amico



tC Family

Calendario Eventi
Ottobre 2020
LuMaMeGiVeSaDo
  1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

In Libreria

Arrampicare in Toscana - Valle di Camaiore e sant'Anna di Stazzema
—————
L. Abbarchi, T. Lonobile, R. Vigiani
ed. ToscoClimbStore
169 pagine
euro 24,00 +1,00 facoltativo per la richiodatura
da non perdere